• 20 June 2024
AI e rivoluzione

Negli ultimi anni l’IA si è sviluppata a un ritmo esponenziale e ora siamo sull’orlo di uno dei punti di svolta più eccitanti di una nuova era tecnologica: la rivoluzione dell’AI. È un cambiamento che possiamo scegliere di abbracciare per portare avanti la creatività, l’innovazione e in effetti la razza umana, o che possiamo rifiutare a favore di fare le cose nello stesso modo in cui abbiamo sempre fatto.

Al culmine del cambiamento arrivano le domande: come dovrebbe essere sviluppata l’AI? Per quale scopo e a beneficio di chi? Qual è la strada giusta? Quali sono i risultati positivi e negativi? A chi appartiene questo? Qualcuno dovrebbe governarlo? Eccetera, ecc… E con tutte queste domande arrivano prospettive sia positive che negative.

Ripensare il nostro mondo prima dei computer, di internet e dei social media: che aspetto ha?

Se consideriamo situazioni simili del passato, possiamo imparare a partire da dove abbiamo sbagliato e mettere le cose a posto ora a beneficio del nostro io futuro? Se dovessimo tornare indietro nel tempo, avremmo dovuto sviluppare la bomba atomica? Nel 1950, avremmo potuto immaginare un mondo di informatica domestica e aziendale, nel 1990 avremmo potuto immaginare un mondo in cui Internet ci ha connesso a livello globale, o negli anni 2000 avremmo scelto di reimmaginare come i social media sarebbero stati implementati? 

Faremmo le cose in modo diverso? Avremmo stabilito regole e governance? Avremmo dovuto rendere tutto open source e progredire ancora più rapidamente? Con il senno di poi, sapendo ciò che sappiamo ora, nel bene e nel male, cosa cambieremmo? Cosa dovremmo cambiare e in che modo ciò potrebbe influenzare l’attuale sviluppo e utilizzo dell’AI ora e in futuro?

Negli ultimi mesi, alcuni degli imprenditori tecnologici più prolifici del mondo, che sono attivamente impegnati e investiti nell’AI, con “The Future Life Institute”, hanno chiesto una pausa di sei mesi per fermare gli sviluppi dell’AI più potenti di ChatGPT-4 di OpenAI, citando le preoccupazioni che la tecnologia sia avanzata autonomamente in modi che non capiscono e potrebbe quindi rappresentare una minaccia per la società e persino la stessa civiltà umana.

La lettera del gruppo no-profit Future of Life Institute è stata firmata e sostenuta da Elon Musk, dall’ex co-fondatore e imprenditore di Apple Steve Wozniak e da decine di accademici. Hanno chiesto una governance e un passo indietro per valutare il modo migliore e più sicuro di procedere. Ciò segue una precedente lettera aperta pubblicata nel 2015 da Stephen Hawking, Elon Musk e molti altri accademici di intelligenza artificiale che hanno sollevato preoccupazioni simili.

Bill Gates ha recentemente scritto sulle minacce dell’AI sul suo blog personale:

“Il futuro dell’AI non è così cupo come alcune persone pensano, o roseo come pensano altri. I rischi sono reali, ma sono ottimista sul fatto che possano essere gestiti”.

Un nuovo tipo di intrattenimento che utilizza l’AI

Attualmente, i tabloid sono pieni di titoli sul fatto che l’AI sostituirà gli esseri umani e il loro lavoro e persino su come potrebbe portare alla caduta della società e dell’umanità stessa.

Conversazioni simili si sono avute all’avvento dei computer e dell’automazione, e persino con la stampa durante la rivoluzione industriale. In questi ultimi tempi, l’industria dell’intrattenimento americana è stata in sciopero contro la minaccia dell’AI e come potrebbe potenzialmente ridurre le entrate dello streaming di scrittori e artisti nell’industria cinematografica e televisiva.

Carly Brooks, responsabile dello sviluppo di Wise Owl Films che idea e crea nuovi formati per Channel 4, BBC, Warner Bros e Discovery Channel, ha descritto i suoi pensieri e di come sta usando l’intelligenza artificiale nel suo lavoro:

Capisco perché gli artisti vogliono proteggere il loro volto, la loro immagine, la loro proprietà intellettuale creativa e la loro produzione a lungo termine. Capisco lo sciopero e perché è necessario. Penso che sia un segno che la tecnologia si evolve più velocemente del settore e del modo in cui viene gestita. Ci sono così tante etiche da districare anche qui. Non ci siamo ancora“. 

Aggiunge anche particolari su come usa l’intelligenza artificiale nel suo lavoro quotidiano “Uso l’intelligenza artificiale per creare immagini da utilizzare nei pitch deck e anche per fare brainstorming. ChatGPT è ottimo per il testo e Midjourney è ottimo per le immagini“. Tuttavia, Brooks è realista sui punti di forza e sui limiti dell’utilizzo dell’AI nel suo ruolo: “Come con tutte le AI, sono valide solo quanto i suggerimenti che inserisci. Sono anche generalmente imperfette e i programmi stessi sono sempre in fase di sviluppo; quindi, mentre li consiglierei non dovrei mai aspettarmi la perfezione.”

Continua spiegando come l’intelligenza artificiale stia guidando una rete di creativi che utilizzano l’intelligenza artificiale per accelerare lo sviluppo e supportare l’innovazione: “Quello che mi piace di Midjourney e Discord è che ha una grande comunità di utenti che fanno cose interessanti. Le immagini degli utenti vengono generate in un forum aperto in modo da poter guardare il lavoro di altre persone mentre lo creano e imparare da esso. Lo uso anche per il testo; Google Bard sembra che sia più “bravo” a raccogliere ricerche e ChatGPT è più bravo a scrivere e aiutarmi con concetti e idee.

AI Jen-erative

Tutt’altro contesto, è l’iniziativa interessante presa dall’agenzia pubblicitaria VMLY & R che ha creato un’attivazione digitale che fa esattamente ciò di cui si lamentano gli addetti scioperando ma presumibilmente con il consenso di J Lo e una bella fee…

Questa attivazione digitale è appena stata lanciata per Virgin Voyage Cruises. Utilizzando JEN- AI, si può utilizzare l’immagine e la voce di J.Lo per creare un invito su misura per la famiglia e/o l’equipaggio di viaggio.

Immaginare modi in cui le società e le comunità possono prosperare

Il più grande catastrofismo finora raggiunto riguarda la possibilità che l’AI, nelle mani sbagliate (o in effetti, nelle sue stesse mani), possa potenzialmente sradicare completamente la società stessa. E sembra che ci possano essere prove a sostegno di questo.

Nel giugno 2023, è emersa la notizia di un’esercitazione militare statunitense simulata che ha coinvolto un drone alimentato dall’intelligenza artificiale che ha acceso il fuoco sul suo stesso controllore perché ha calcolato che ostacolava il raggiungimento del suo obiettivo e della ricompensa programmata (nonostante fosse implicitamente programmato per non farlo mai). Da allora gli Stati Uniti hanno negato l’avvenimento  ma se fosse vero, dimostra che gli esseri umani non comprendono appieno le complesse capacità e i potenziali risultati dell’AI e suggerisce una maggiore necessità di condivisione e trasparenza in questo campo.

Il fisico inglese Stephen Hawking ha previsto il problema dell’AI molto prima della sua morte:

“Lo sviluppo della piena intelligenza artificiale potrebbe significare la fine della razza umana … Decollerebbe da sola e si riprogetterebbe a un ritmo sempre crescente. Gli esseri umani, che sono limitati dalla lenta evoluzione biologica, non potrebbero competere e sarebbero sostituiti.” Stephen Hawking alla BBC.

Tuttavia, l’intelligenza artificiale può anche essere utilizzata per il bene, per aprire possibilità precedentemente inimmaginabili e visioni future di città intelligenti, trasporti, case e nuovi modi di vivere, fare shopping, giocare e lavorare.

La progettazione

Il designer architettonico Tim Fu di Zaha Hadid Architects ha parlato del suo lavoro utilizzando l’intelligenza artificiale.

Tim Fu è specializzato in progettazione algoritmica e ricerca sull’intelligenza artificiale presso il gruppo di ricerca computazionale ZHACODE. Ha collaborato con aziende internazionali sulla progettazione architettonica assistita dall’intelligenza artificiale e ha lavorato con marchi sul design di prodotti e moda AI. Inoltre, ha ospitato workshop di progettazione computazionale in varie istituzioni tra cui Harvard GSD, ACADIA, PA Academy e altri. Le sue esplorazioni sull’AI sono state presentate su Bloomberg, Architectural Digest, il Generative AI Summit e la Biennale di Venezia.

Principalmente utilizza i modelli di AI generativa, per lo più Midjourney, e altri come DALL-E 2 e Stable Diffusion. La post-elaborazione viene eseguita con Photoshop e Stable Diffusion.

Innovazione e industria

Questa tecnologia sembra che diventerà molto dirompente e l’industria del design dovrà adattarsi intorno ad essa. L’intelligenza artificiale ha rivoluzionato molti settori nel corso degli anni e ora sta davvero iniziando a entrare nel dominio del design.

Qui a ZHA miriamo sempre a spingere i confini di ciò che è possibile nella progettazione e nella costruzione, e questo spirito di costante innovazione è di grande ispirazione per ogni persona coinvolta. L’avvento dell’intelligenza artificiale mi ha davvero permesso di espandere le mie competenze di progettazione in un campo più ampio”. Tim Fu, designer, ZHA

L’AI ha un ruolo fondamentale da svolgere nella gestione delle città intelligenti; dalle nostre strade intelligenti, alle infrastrutture intelligenti e alla vendita al dettaglio, al futuro delle nostre zone residenziali e case intelligenti.

Abbiamo bisogno di spazi che imparino da ciò che ci piace, da come ci comportiamo e da come facciamo acquisti. È tempo di iniziare a utilizzare le tecnologie esistenti e metterle effettivamente in atto per guidare la società, i nostri spazi e il nostro futuro.

Il caso Arabia Saudita: la città di Neom

L’Arabia Saudita, ad esempio, è attualmente concentrata su questo diversificando la sua economia per diventare un hub tecnologico globale.

Grazie a Vision 2030, ha avviato un piano di trasformazione ambizioso e di vasta portata. Al centro di questa trasformazione c’è l’investimento e lo sviluppo dell’intelligenza artificiale (AI) e la sua integrazione in una nuova mega-città: Neom. Qui si sta cercando di integrare la robotica e l’intelligenza artificiale senza soluzione di continuità in ogni aspetto della vita dei cittadini nel tentativo di generare entrate da settori economici chiave per il futuro.

Il sito web del governo saudita afferma che: “NEOM è un sogno audace di un nuovo futuro, un acceleratore del progresso umano che incarnerà il futuro dell’innovazione nel business, nella vivibilità e nella sostenibilità”.

Spazi retail senza confini

Dopo la pandemia, le strade principali e i centri commerciali di tutto il mondo sembrano siano rimasti tali e quali e con una mancanza di visione, design e concetto, e lacune evidenti.

È facile cercare di inserire un rivenditore sostitutivo, ma è davvero questo ciò che è necessario nel nostro nuovo modo di essere? Dove i lavoratori “ibridi” e coloro che fuggono il caos e il costo spropositato delle grandi città, hanno trasformato molte delle stesse, in città fantasma?

C’è bisogno di ripensare e pianificare un diverso tipo di futuro. È qui che l’AI può aiutare: allontanandoci dalle nostre normali realtà, routine e tradizioni, aiutandoci a esplorare nuovi modi di pensare e dando nuova vita alle nostre comunità immaginando nuove zone commerciali adatte al futuro.

La visione di Casati

Stefano Casati è un architetto con sede a Londra. Ha utilizzato l’intelligenza artificiale per esplorare progetti per rivenditori e marchi che utilizzano l’intelligenza artificiale.

L’intelligenza artificiale gli consente di creare concetti completi, dagli esterni agli interni dei negozi fino alla collezione del prodotto o del marchio. Può anche creare esperienze molto più interattive e personalizzate. Come vede il futuro dell’AI? Non è certo di dove andrà tutto quanto e come verrà implementata l’AI ma spera che consentirà ai designer e ai creativi di usarla per affrontare davvero i problemi che stanno influenzando il nostro mondo oggi. Sostiene anche che il progresso avviene e lo si può seguire o rimanere indietro. 

Il pensiero creativo di Grant Dudson

Grant Dudson, direttore creativo dell’agenzia Chorus, sta usando l’AI per articolare visivamente una serie di idee basate sull’arte che sta esplorando da un po ‘di tempo e sta cambiando il gioco per i pensatori concettuali come lui. 

L’AI gli consente di raggiungere un nuovo pensiero creativo. Quando i marchi entrano in una nuova ideazione c’è una domanda nella mente di tutti: questo concetto colpirà nel segno? Il marchio riceverà il coinvolgimento e l’entusiasmo che desidera con il lancio di questa idea? I brand non conoscono la risposta a questa domanda fino a quando di quell’idea non viene fatto almeno un progetto pilota. Ma con l’AI, esempi di ciò che potrebbe essere fatto per i brand, possono essere testati per verificare l’appetito dei consumatori per un’idea, molto prima che sia stata sperimentata nella vita reale.

Usa l’intelligenza artificiale in due modi diversi. Uno è per divertimento e lo coinvolge nell’esplorazione di nuove narrazioni / temi collaborativi tra marchi (come, per esempio, le idee Lego X Gucci). L’altra è un’applicazione più professionale. Ha oltre 100 installazioni artistiche che ha disegnato negli ultimi due anni e non ha mai avuto il tempo per metterle a terra collaborando con un team di artisti visivi. L’AI funge da facilitatore di strumenti per prendere i suoi schizzi e realizzare una versione di come potrebbero apparire. L’output dell’AI viene utilizzato per informare una serie di scenografi e artisti visivi per sviluppare la visione in qualcosa di pratico e realistico. 

Alibaba Group

Alibaba Group sta anche sfruttando l’intelligenza artificiale generativa per trasformare le industrie creative cinesi. Gli scienziati alimentano l’algoritmo con centinaia di milioni di immagini per addestrare i modelli. E le immagini e il testo vengono convertiti in espressioni matematiche. L’algoritmo cerca quindi modelli all’interno dei dati per acquisire la relazione tra immagini e parole.

L’intelligenza artificiale generativa offre infinite possibilità artistiche digitali per i marchi di moda e di lusso.

I marchi devono sfruttare il potenziale dell’AI e delle nuove fantastiche capacità tecnologiche. Elaborando strategie che rispettino la loro tradizione, i valori del marchio e il senso di esclusività.

Business Futurism: la capacità di evolvere e plasmare il nostro futuro

L’intelligenza artificiale può ricordare il mago de Il mago di Oz. Mentre immaginiamo un mago onnipresente e temibile che controlla il nostro mondo, spesso la realtà è molto meno spaventosa e piena di possibilità.

Nella creatività, nella ricerca e sviluppo e nell’innovazione di solito si è vincolati dalle realtà conosciute; i budget e la comprensione preconcetta in quel momento. L’AI ha la capacità di ignorare il pregiudizio e di creare un futuro curato dagli input delle migliori menti di tutto il mondo. 

La tecnologia può aiutarci a immaginare nuovi modi per prosperare e prosperare. Avvertendo che non dobbiamo commettere di nuovo gli stessi errori quando sviluppiamo potenti modelli e piattaforme che avranno un profondo effetto sulle nostre vite.

Gli scienziati di Stanford hanno recentemente condiviso che il grande modello linguistico di ChatGPT è “diventare più stupido’. La natura dell’AI generativa significa che sarà valida solo quando vedremo i benefici nelle nostre vite e nelle nostre attività.

Per proteggerci dall’impatto dell’AI consentendoci al contempo di usarla per prosperare, è imperativo che i leader comprendano le applicazioni dell’AI e i loro rischi a breve e lungo termine.

Ora spetta a noi come individui, professionisti e aziende internazionali, o fondazioni, abbracciare la tecnologia AI a beneficio di tutti noi. Usiamo l’AI per promuovere l’efficienza e le operazioni, per immaginare nuovi prodotti e per modellare e guidare nuovi modi di abitare sostenibili. La maggior parte degli esperti di AI sono desiderosi di combinare la tecnologia con l’ambizione di offrire creatività, trasformazione, positività e soddisfare uno scopo più grande per la società e il pianeta.