• 29 May 2024
Poap e web3

Indice

L’attestato di partecipazione alias POAP, sta diventando il nuovo status symbol del Web3

Web3 e coinvolgimento innovativo

Con il ritorno agli eventi fisici e l’ascesa di quelli virtuali, sta emergendo una nuova tendenza Web3: una prova digitale di presenza. Ad oggi, i POAP sono considerati come dei “ricordi del Metaverso” simili ai cordini VIP, e alle foto Instagram post-evento. Questi token basati su blockchain offrono un notevole potenziale per i marchi di moda per incoraggiare la fedeltà e premiare il coinvolgimento della clientela. Fanno anche appello alle comunità emergenti del Web3 e sono un modo relativamente semplice per chi si avvicina al mondo degli NFT. 

L’industria della moda è uno dei nostri mercati più attivi. Ci sono molti casi d’uso piuttosto divertenti che si applicano , afferma Patricio Worthalter, fondatore di POAP.

Cos’è un Poap?

Abbreviazione di “protocollo di attestato di partecipazione”, i POAP sono progettati per ricordare un’ora e una data specifiche. Sono caratterizzati da uno specifico smart contract (dal punto di vista tecnologico) e da un’immagine unica (lato consumatore). Una volta emessi, possono servire a molteplici scopi, offrendo un’utilità pratica e reale. I POAP sono stati significativi durante la Metaverse Fashion Week (MVFW)

Anche durante eventi meno significativi hanno attirato una fila di partecipanti”, afferma Billy Farrell, socio fondatore dell’agenzia fotografica BFA. “Ogni volta che ho visto una fila [a MVFW], ho visto un chiosco POAP. Un tempo si andava su e giù per Madison Avenue durante la Fashion’s Night Out per ottenere sacchetti regalo o farsi fotografare oggi si cercano i POAP nel Metaverso. Come con la maggior parte delle tecnologie Web3 e NFT, l’adozione e la fluidità sono agli inizi.”

Eventi e POAP

A novembre, Adidas ha dato un numero limitato di POAP agli utenti della sua app Confirmed. E i POAP hanno quindi fornito l’accesso anticipato per acquistare un NFT del brand “Into the Metaverse”. Una buona serie di marchi, tra cui Estée Lauder, Lottie London, Brytehall e Known Origin, offrono POAP a coloro che visitano gli eventi all’interno di Decentraland.  Authentic Brands Group ha dato POAP per partecipare alla propria presentazione durante la conferenza di vendita al dettaglio Shoptalk. E recentemente, Mango ha dato POAP che includono un capo indossabile in Decentraland ai partecipanti all’apertura del suo negozio. Inoltre, marchi come Altuzarra, Eckhaus Latta e Markarian hanno regalato speciali oggetti da collezione NFT ai partecipanti alle sfilate. BFA ha appena firmato una joint venture con l’organizzazione POAP, chiamata Proof.events, per estendere i propri servizi fotografici durante gli eventi.

Gamification e blockchain

Mentre i marchi sviluppano strategie Web3 che si estendono agli eventi virtuali e agli oggetti da collezione NFT, i token di partecipazione aggiungono un’altra dimensione alla potenziale capacità di fidelizzare i clienti utilizzando la blockchain. Possono “gamificare” il coinvolgimento, premiare la fedeltà e collegare il digitale con il fisico, il tutto fornendo un badge che non richiede al cliente di rivelare i dati personali. Sono anche un modo relativamente accessibile e visibile per generare curiosità sul Web3 – e potenziale adozione – tra i clienti fedeli esistenti.

È divertente collezionare cordini e pass per il backstage: ho scatole e scatole di questi, e i marchi per cui scattiamo hanno comunità così forti. I POAP sono un altro modo per ricordare che eri a quell’evento “, aggiunge Neil Rasmus, co-fondatore di BFA.Ogni posto alla sfilata Coach aveva un codice a barre che ricordava la storia della collezione. Quel codice a barre in futuro potrebbe essere uno dei 400 POAP. Pensate allo show di Alexander McQueen [primavera 1999] con Shalom Harlow – sarebbe stato così bello averlo“.

Marchio registrato e differenza tra Poap e NFT

Il termine POAP è un marchio registrato, quindi mentre i brand possono offrire NFT speciali per essere in determinati luoghi in momenti specifici (fino a un anno), non tutti sono tecnicamente considerati POAP. I potenziali POAP sono controllati da un massimo di quattro persone per evitare violazioni della proprietà intellettuale o contenuti dannosi, afferma Worthalter. “Scoraggia fortemente i marchi che lavorano direttamente con il protocollo che sono adesso in procinto di stabilire relazioni con varie agenzie che “parlano il linguaggio della moda”, come BFA a New York e la Poap.fr con sede a Parigi, per aiutarli su questi tipi di operazioni. 

I POAP sono basati su una “sidechain” per sfuggire alle elevate tariffe del gas, motivo per cui di solito vengono distribuiti gratuitamente. Possono essere emessi in diversi modi; negli spazi digitali che consentono alle persone di connettere i loro portafogli crittografici, come in Decentraland, le persone possono andare in un chiosco digitale per richiedere il loro POAP. 

Nel mondo fisico, un codice QR su un menu privato per la cena o l’assegnazione dei posti a sedere potrebbe invitare le persone a scaricare il portafoglio POAP per raccoglierne uno, o un chip NFC su un podio potrebbe far accedere alla stessa esperienza. Altri potrebbero riceverlo via e-mail. “È un ottimo modo per integrare nuovi utenti che non conoscono le criptovalute”, afferma Gmoney, un influencer e investitore Web3 che ha investito in POAP. “Puoi ottenere un link sul tuo telefono, scaricare il portafoglio POAP e, se non vuoi nient’altro a che fare con la crittografia, il gioco è fatto. Il gioco è fatto”.

Il primo approccio per i marchi

Per cominciare, Farrell raccomanda che i marchi inizino in piccolo, anche qualcosa di semplice come un cocktail party con un POAP associato ad esso. Worthalter sconsiglia un’ampia distribuzione senza parametri, come il lancio di una nuova collezione e la creazione di un POAP per ogni persona nella comunità. I POAP sono oggetti da collezione, quindi solo le cose di cui vogliono un ricordo per sempre, non perché hai ottenuto un omaggio perché eri su Twitter quando il marchio ha lanciato una nuova collezione”, dice. 

Man mano che persone e marchi accumulano questi token, l’opportunità va oltre agli oggetti da collezione digitali. “Questo è uno degli elementi più impressionanti”, afferma Pierre-Nicolas Hurstel, CEO e co-fondatore di Arianee, che ha rilasciato POAP per eventi tra cui la Paris Fashion Week, attraverso il portafoglio Arianee. Ad esempio, un cliente potrebbe essere in grado di accedere a un drop – come nell’esempio Adidas – o accedere a uno speciale universo Web3 con contenuti personalizzati. Hurstel afferma che Arianee sta già lavorando con un certo numero di marchi di lusso su siti Web token-gated che saranno rilasciati nei prossimi mesi. “Questo è il concetto di memoria digitale e anche il concetto di qualifica”, dice

web 3 nft poap

Estée Lauder, per la sua esperienza MVFW in Decentraland, ha invitato le persone a visitare uno spazio ispirato alla sua Advanced Night Repair “Little Brown Bottle” per sbloccare un POAP e rivendicare un prodotto NFT. “In definitiva, l’esperienza è stata quella di creare entusiasmo, domanda e amore per il marchio. Se le persone amano il nostro marchio nel Metaverso, questo si tradurrà in amore per il marchio e una domanda per i nostri prodotti nel mondo fisico “, afferma Jon Roman, SVP del marketing globale dei consumatori e online per Estée Lauder. Il Chief Information Officer Michael W Smith aggiunge che i POAP si stanno evolvendo per essere un nuovo strumento per misurare il coinvolgimento.

Gmoney porta una carta con un chip NFC al suo interno. Chiunque lo incontri fisicamente può scansionare la carta per raccogliere il proprio POAP personale, un po ‘come un autografo. In futuro, potrà offrire vantaggi speciali a quelle persone. 

Già da oggi, le persone con il proprio POAP hanno goduto di un accesso speciale all’Adidas NFT. Ha anche progettato una caccia al tesoro a Miami. “Allo stesso modo in cui le persone salvavano i talloncini dei biglietti per una sorta di valore sentimentale, nel tempo, i POAP saranno rappresentativi di quella persona”, creando un grafico sociale che, simile a un account Instagram a lungo termine, diventa più prezioso nel tempo. La differenza, dicono i sostenitori, è che è “un po’ più privato che farsi fotografare”, come dice Farrell – senza sacrificare i diritti di vantarsi a coloro che parlano la lingua Web3. La porzione di dati può essere vantaggiosa per entrambi i lati dell’equazione. I marchi possono vedere dettagli come quante persone hanno partecipato a più eventi e gli altri articoli che ogni persona ha raccolto, senza informazioni come età o sesso, dice Gmoney. 

Diventa un sistema a più livelli come un programma di premi fedeltà, senza doverne esplicitamente creare uno”, dice. “Se tu frequentassi il Coachella per tre anni di fila, forse ti darebbero un biglietto a metà del prezzo. Puoi creare quel legame con la tua comunità e non dover pagare un intermediario per la possibilità di farlo“. 

Artisti e POAP

La collezione POAP di alcuni brand potrebbe essere rilevante per il brand stesso laddove voglia trasmettere gli interessi di qualcuno” , dice Varvara Alay, l’artista dietro la collezione Flower Girls NFT, che ha offerto un POAP per il recente festival Mary J Blige e Pepsi Strength of a Woman. 

Un marchio potrebbe essere in grado di indirizzare un collezionista o un proprietario di POAP in base a questa tipo di conoscenza; ad esempio, i proprietari di Flower Girls NFT che visitano un punto vendita o un evento di marca potrebbero richiedere un POAP per vestire digitalmente il loro avatar con i disegni del marchio.

Il futuro dei POAP

In futuro, gli esperti prevedono un crescente desiderio di mostrare ampiamente i POAP. C’è una cultura e una volontà nel voler condividere queste esperienze. Già, gli “Space Pods” di Rtfkt promettono uno spazio di visualizzazione digitale e una recente giacca digitale Cult & Rain include badge di una serie di importanti collezioni NFT. Più di recente, Instagram ha annunciato che sta testando la capacità delle persone di mostrare i loro NFT. Si potrebbe immaginare la possibilità per le persone di visualizzare anche i propri POAP. È probabile che sia solo una questione di tempo. 

Worthalter afferma che si è ancora agli inizi. “Non siamo qui per un atterraggio rapido e veloce nelle proiezioni dei nostri prodotti. Pensiamo in un lungo lasso di tempo”, dice. E, in molti modi, questo è un vecchio comportamento vestito con la nuova tecnologia. “C’è sempre una porta in cui entrare, non importa chi sei. Questo non cambierà”, dice Farrell. “Ma una volta entrati da quella porta e aver raccolto un POAP questo diventa immutabile e fa parte della propria identità digitale. Il “vantarsi” diventa un concetto molto sottile”.