• 19 July 2024
NFT Spotify

Negli ultimi due anni, gli NFT hanno gradualmente lasciato la sfera delle criptovalute per diventare strumenti pubblicitari e tappa quasi obbligatoria all’interno di una strategia di marketing che sia al passo coi tempi. I più grandi marchi a turno rilasciano collezioni a loro nome e ne moltiplicano gli usi. Eppure, gli NFT sono rimasti, al di là di tutto, delle immagini.  Entrando in questa nuova “moda”, Spotify apre il campo delle possibilità offrendo NFT musicali. Se questa novità è una grande mossa di marketing per Spotify, in realtà mostra il confine che accompagnerà l’incontro tra Web2 e Web3

L’offerta streaming di Spotify completata dagli NFT

Consapevole della trasformazione dell’industria culturale e musicale in particolare, e del crescente posto degli NFT, Spotify sperimenterà l’uso di NFT attraverso un panel di utenti negli Stati Uniti. Questi ultimi potranno ascoltare i profili di alcuni artisti per avere accesso a questi ed eventualmente acquistarli. Attualmente, ci sono solo due artisti che utilizzano questa novità, il DJ e produttore Steve Aoki e la band indie rock The Wombats, entrambi noti per la loro adozione di NFT. 

In realtà, non si tratta solo di NFT musicali. Questi possono avere vari formati: foto, video, GIF, con o senza musica. L’obiettivo è in definitiva quello di consentire altre forme di interazione tra le band e i loro fan. Ciò dovrebbe anche consentire ai gruppi di offrire merchandising in modo indipendente. In realtà, non è Spotify che si occupa della vendita. Gli utenti vengono reindirizzati a un altro marketplace per gli acquisti. 

Spotify attualmente non prende una commissione sulla vendita poiché è solo un test. Spotify ha chiesto agli utenti di rispondere a questionari sul loro rapporto con le criptovalute e gli NFT e un loro feedback su questa novità della piattaforma. 

Spotify: il modello obsoleto del web2?

Per Spotify, questo passaggio agli NFT fa parte di una strategia che vede la società, proprio come Facebook e Instagram, tra quelle entità Web2 che vediamo perdere “entusiasmo” molto in fretta con l’arrivo del Web3. In effetti, Spotify vuole entrare nel Web3 da diversi mesi. Già a marzo, Spotify ha pubblicato diverse offerte di lavoro sul Web3. Tuttavia, ci si potrebbe chiedere se questa svolta sia davvero una volontà di rinnovamento o se in realtà sia solo una questione di seguire la moda intrapresa da diverse aziende con cui restare al passo. In effetti, Web3 e NFT sono intrinsecamente resistenti alla centralizzazione. Presumono che la proprietà passi direttamente dai creatori agli utenti. Consentono di creare una sorta di corto circuito nel ruolo di queste piattaforme. 

NFT Spotify

Inoltre, a differenza di un’immagine che ha una connotazione più materiale (anche se in realtà è solo un file di computer, un jpeg), la musica sembra meno adatta al formato NFT. Anche Spotify sta ragionando in questo senso perché sembra che questo incontro tra questi due universi possa rimanere solo marginale. Gli NFT fanno parte del merchandising che viene fornito con la vendita di musica senza farne realmente parte. 

Abbonamento a Spotify o acquisto di NFT musicali?

Spotify non è un caso isolato nel mondo della musica. In effetti, la pandemia ha causato il crollo dei ricavi di molte etichette e gruppi musicali. Questo calo non è stato compensato dai ricavi dello streaming; quindi, diversi gruppi hanno pensato che gli NFT potessero essere un mezzo per ritornare sul mercato. Nel 2021, Mike Shinoda dei Linkin Park è diventato il primo artista della major a pubblicare un singolo come NFT, e i Kings of Leon sono stati la prima band a pubblicare un intero album sotto forma di gettoni non fungibili. 

La giornalista americana Cherie Hu stima che gli NFT abbiano rappresentato $ 60 milioni di entrate per l’industria musicale tra giugno 2020 e aprile 2021. Clip, album in edizione limitata, NFT possono utilizzare diversi media e consentono di aumentare la percentuale economica destinata ai vari artisti. Gli NFT segnano la strada dell’indipendenza dai giganti dello streaming per gli artisti.  

Pensieri musicali finali

Tuttavia, ci vorranno ancora piattaforme per diffondere e vendere musica. Il rischio di centralizzazione è quindi sempre presente. Nel caso delle piattaforme di streaming sono in gioco i ricavi pubblicitari e degli abbonamenti e sarà più difficile accettare un cambio di modello di business. Dopo l’immagine digitale e il cinema, è il turno della musica di fare la sua rivoluzione Web3. Se Spotify sta facendo passi da gigante nel mondo degli NFT, non è sicuro che cambierà radicalmente il suo modello. Web2 non ha detto la sua ultima parola e i prossimi anni ci diranno se gli NFT hanno permesso ai creatori di riconquistare una certa indipendenza o essere obbligati a sottostare all’attuale legge di mercato. 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *